NORME DI SICUREZZA E DI COMPORTAMENTO PER L’ACCESSO AI SITI DELLA RETE MUSEALE ASTIGIANA

 

I visitatori sono tenuti a rispettare le seguenti norme di sicurezza e di comportamento stabilite dalla Direzione della Fondazione Asti Musei e a disposizione del pubblico presso i siti della rete museale astigiana e consultabile sul sito web www.fondazioneastimusei.it.
Particolari disposizioni possono essere comunicate a:

a) persone e gruppi autorizzati a utilizzare i locali destinati a incontri, conferenze, concerti o altre attività;
b) persone estranee al servizio museale, presenti nei locali per motivi professionali.

 

Biglietti

Si accede ai musei solo con il biglietto valido d’ingresso.
Ogni biglietto consente un solo accesso per ogni sito, una volta usciti dal singolo sito della rete museale non è possibile rientrarvi.
Durante tutto il percorso museale, il personale è autorizzato a richiedere l’esibizione del biglietto d’ingresso: si prega pertanto di conservarlo accuratamente fino al termine della visita.
La vendita dei biglietti presso le casse locali termina un’ora prima della chiusura.
Per l’articolazione dell’offerta e gli orari di apertura consultare il sito internet www.fondazioneastimusei.it.

 

Accesso alle sedi

I siti museali della Fondazione Asti Musei sono aperti al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Sono chiusi il lunedì e il 25 dicembre; possono osservare un orario ridotto nelle altre festività (31 dicembre, 1° gennaio, 1° maggio, Pasqua e Pasquetta), per le quali si rimanda alle comunicazioni presenti sul sito internet di Fondazione Asti Musei e sui social dedicati (Facebook, Instagram, LinkedIn, Twitter).
I visitatori che si presentano nelle sedi entro le ore 18.15 (dopo tale orario i lettori ottici dei biglietti si disattivano) disponendo già di un biglietto valido d’ingresso, possono – previa convalida – accedervi, ma dovranno in ogni caso uscire entro l’orario di chiusura e il biglietto non potrà essere riutilizzato per quella sede.
La Direzione può concordare con Enti, Associazioni e privati visite fuori dall’orario di apertura dei siti museali, a condizione che le spese di funzionamento della struttura siano assunte dai richiedenti.
Non è consentito l’accesso ai minori non accompagnati dai genitori o da altri adulti per essi responsabili.

 

Deposito borse e oggetti

Borse voluminose, zaini, ombrelli ed eventuali altri oggetti che, a giudizio del personale addetto, non possono essere introdotti nei percorsi espositivi, devono essere lasciati negli spazi predisposti a questo scopo nei siti museali.
Il deposito è gratuito e autogestito.
Non devono essere depositati negli spazi adibiti a guardaroba:

  • denaro, carte e altri strumenti di pagamento o valori
  • oggetti di valore e preziosi

La Direzione non gestisce il servizio di guardaroba all’interno dei siti museali e non assume responsabilità in relazione agli oggetti depositati.
Ogni oggetto depositato deve essere ritirato il giorno stesso, prima della chiusura dei siti museali. Tutto ciò che non sarà ritirato alla chiusura sarà ritenuto oggetto smarrito.
Gli oggetti smarriti nei locali dei siti museali sono consegnati alla biglietteria di Palazzo Mazzetti (Asti – Corso Alfieri n. 357). Periodicamente gli oggetti verranno inviati all’Ufficio Oggetti Rinvenuti del Comune di Asti, Via Natta n. 3, tel. 0141/399880, dove potranno essere ritirati.

 

Comportamento generale dei visitatori

Si richiedono la massima correttezza e il rispetto nei confronti del personale di servizio e di tutte le persone presenti nell’edificio.
I visitatori sono pregati di attenersi alle disposizioni del personale (aprire borse, consegnare pacchi, ecc.).
Nei siti museali è vietato:

  • superare le barriere di protezione;
  • appoggiarsi alle vetrine, ai basamenti e ad altri elementi dell’allestimento;
  • scrivere o imbrattare i muri;
  • correre lungo il percorso espositivo;
  • fumare e utilizzare sigarette elettroniche;
  • consumare cibi o bevande;
  • gettare a terra carta o altro;
  • parlare ad alta voce, recando disturbo agli altri visitatori;
  • vendere oggetti e distribuire volantini;
  • introdurre animali, con la sola eccezione dei cani guida per non vedenti e dei cani da assistenza per le altre categorie di disabili.

Nelle sale espositive si prega di silenziare la suoneria e l’audio di cellulari e altri dispositivi mobili. L’uso di tali dispositivi deve essere discreto per non disturbare la visita.
I percorsi di visita sono stati stabiliti per segnalare gli itinerari, garantire la sicurezza delle opere e favorire lo scorrimento del pubblico; perciò è necessario non uscire dai percorsi e non superare le eventuali barriere disposte.
I visitatori devono osservare le opere da debita distanza, senza avvicinare oggetti che potrebbero danneggiare le stesse. Le opere, i mobili e le tappezzerie possono essere osservati ma non toccati; non è, pertanto, possibile sedersi su sedie, poltrone e divani che costituiscono l’arredo storico dell’esposizione.

 

Disposizioni relative ai gruppi

Le visite dei gruppi o delle classi scolastiche devono svolgersi sotto la guida di un accompagnatore che si renda responsabile del rispetto delle norme contenute nel presente regolamento e della buona condotta del gruppo.
Per le classi e i gruppi è necessaria la prenotazione della visita.
I componenti del gruppo sono pregati di non allontanarsi dall’accompagnatore e di non recare disturbo agli altri visitatori.
La Direzione può, in ogni momento, restringere le condizioni d’accesso e le visite dei gruppi, in funzione della capacità di accoglienza dei siti museali.
Le visite guidate sono condotte da:

  1. a) personale della Fondazione Asti Musei;
  2. b) guide autorizzate all’esercizio della professione;
  3. c) insegnanti per i propri allievi;
  4. d) persone specificatamente autorizzate dalla Direzione di Fondazione Asti Musei.

L’esercizio della professione di guida turistica all’interno delle sedi della Fondazione è garantito esclusivamente alle guide autorizzate secondo le normative vigenti. Il personale museale ha facoltà di richiedere a soggetti non autorizzati di interrompere le spiegazioni, se necessario anche richiedendo l’intervento delle autorità competenti.
Le spiegazioni devono essere fornite con un tono di voce che non disturbi o distragga gli altri visitatori; non è consentito l’uso di alcun tipo di amplificazione.
Durante le spiegazioni è proibito l’uso di puntatori laser per indicare le opere o particolari delle stesse.
È opportuno e doveroso restare in gruppo seguendo la guida senza gridare o parlare a voce alta né – per quanto riguarda soprattutto i gruppi scolastici – correre o giocare; in generale è richiesto un comportamento conveniente ed educato, tale da non recare danno alle opere esposte, né disturbo agli altri visitatori.
Per quanto concerne i gruppi scolastici gli insegnanti possono avvalersi delle informazioni e dei programmi disponibili sul sito web www.fondazioneastimusei.it al fine di organizzare la visita dei gruppi nel modo più efficace, in relazione ai programmi scolastici e al grado di istruzione dei ragazzi.
Gli insegnanti sono responsabili del comportamento degli allievi loro affidati. Sarà loro compito ottenere dai ragazzi una condotta coerente con le prescrizioni di questo regolamento.

 

Fotografie, riprese cinematografiche e copie

Nelle sale di esposizione permanente è concesso l’uso di macchine fotografiche senza flash e cavalletto nonché l’uso di videocamere senza cavalletto.
Nelle sale di esposizione temporanea è vietato qualsiasi tipo di ripresa, salvo precise indicazioni esposte all’ingresso della mostra stessa. Viene fatto salvo il diritto di cronaca.
L’uso di flash, luci e cavalletti necessita di un’autorizzazione individuale concessa dalla Direzione.
Le riprese devono avere unicamente finalità amatoriali e di studio, con divieto di pubblicazione su qualsiasi supporto a diffusione gratuita o a pagamento. Per le riprese a scopo commerciale, editoriale, cinematografico, documentaristico, giornalistico, televisivo, è necessario rivolgersi alla Direzione.
Per le riprese in cui il personale potrebbe apparire, oltre all’autorizzazione della Direzione, deve essere richiesta anche quella degli interessati.

 

Sicurezza delle persone, delle opere e dell’edificio

È vietato ai visitatori commettere azioni che possano compromettere la sicurezza delle persone e dei beni. Ogni incidente o avvenimento anomalo deve essere immediatamente segnalato al personale museale.
Nel caso di principio d’incendio, si raccomanda di conservare la calma.
In caso di evacuazione dell’edificio occorre procedere disciplinatamente e con ordine rispettando le direttive del personale.
In caso di incidente o malessere è vietato spostare l’infortunato o il malato, farlo bere, somministrargli qualunque medicina prima dell’arrivo dei soccorsi, avvisando tempestivamente il personale.
Nessun oggetto esposto o parte di allestimento può essere rimosso o spostato in presenza del pubblico durante le ore di apertura. Ogni visitatore che sia testimone di un furto è tenuto ad avvisare il personale.
In caso di tentativo di furto all’interno dei diversi siti museali facenti parte della rete possono essere presi alcuni provvedimenti urgenti, come la chiusura degli accessi e il controllo delle uscite.
In caso di grande affluenza e in ogni situazione che possa compromettere la sicurezza delle persone o dei beni, si può procedere alla chiusura totale o parziale dei siti, oppure alla modificazione degli orari di apertura.
La Direzione si riserva di adottare ogni misura necessaria, imposta dalle circostanze.

 

Ruolo del personale

Il personale museale è a disposizione dei visitatori per indicazioni di carattere generale sui percorsi, sulle collezioni, sull’offerta del sistema museale; è inoltre responsabile della sicurezza delle opere e del buon andamento della visita: le indicazioni e le prescrizioni del personale devono perciò essere attentamente seguite.

 

Osservazioni e reclami

I visitatori possono segnalare eventuali osservazioni e/o reclami sull’apposito registro depositato presso la biglietteria di Palazzo Mazzetti, Corso Alfieri n. 357, Asti o inviare una mail all’indirizzo: segreteria@fondazioneastimusei.it.